Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Bloggercirouliano
  • Bloggercirouliano
  • : Il blog di Ciro Uliano
  • Contatti

Link

16 luglio 2012 1 16 /07 /luglio /2012 21:26

Se il vostro lavandino si è rotto, potete cambiarlo voi stessi, magari con uno a due vasche. E' più facile di quanto pensiate. Per la messa in opera non necessitano ne speciali attrezzi, ne particolari cognizioni tecniche in campo idraulico. Tolto il vecchio lavandino, si rimuovono il sifone e i tubi dell'acqua.

 
  • 1 Quindi si levano dal muro tutti gli elementi di fissaggio. Sulla parete si segnano i punti di riferimento per l'applicazione del nuovo lavandino, si fanno i fori e vi si inseriscono i tasselli e le viti di fissaggio. Si prosegue con il montaggio dei raccordi e si termina con la sistemazione del nuovo lavandino. Esecuzione: svuotate il sifone, svitate l'attacco del sifone al lavandino, togliete il sifone dal tubo murato, per sicurezza chiudete anche il rubinetto principale.
  • 2
     
    Occorrente
    • Lavandino nuovo con tutti gli accessori relativi
    • Seghetto per metalli
    • Mastice speciale
    • Cacciavite e martello
    Inserito il raccordo, montate le guarnizioni in gomma e in metallo. Inserite il dado serrato con cautela con cacciavite e martello (gli idraulici dispongono di un attrezzo speciale). Montate gli elementi dello scarico nella successione come è indicato nella figura qui sopra. La leva di comando arriva dietro la valvola di livello. Il suo funzionamento deve essere regolato dopo il montaggio. (Vedi le figure).
  • 3 Avvitate i perni di fissaggio del lavandino alla parete in speciali tasselli. Ne sono necessari due. Tagliate i tubi di raccordo a misura con un seghetto per metalli. Rimuovete accuratamente la bavatura dei bordi, per evitare che trucioli metallici finiscono nei tubi. Tra scarico e lavandino stendete come guarnizione un cordone di mastice speciale. Assicurate la tenuta con una guarnizione ad anello fissata con un dado.
  • 4 Rendete a tenuta stagna tutti i raccordi dei tubi dell'acqua con collegamenti a vite. E' necessario però che tutti i tubi siano tagliati a misura con l'apposito seghetto per metalli. Con i raccordi montati la parte posteriore del lavandino si presenta come illustrato nella fotografia qui in alto. Soltanto dopo il fissaggio alla parete montate gli elementi di collegamento con i tubi murali. A questo punto il lavandino può essere montato.
  • 5 Fate passare i perni di fissaggio nei relativi fori e poi inserite guarnizioni e dadi. Le rondelle sono in materia plastica resistente. Dopo aver montato solidamente il lavandino alla parete, procedete dapprima a collegare i tubi dell'acqua e poi a montare i due sifoni che vengono collegati con un raccordo a T. Dopo il collegamento dello scarico potete riaprire i rubinetti. L'ultima operazione consiste nel controllo della tenuta di tutte le giunzioni che, se necessario, vanno registrate una ad una.

Condividi post

Repost 0
Published by ciro.uliano
scrivi un commento

commenti