Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Bloggercirouliano
  • Bloggercirouliano
  • : Il blog di Ciro Uliano
  • Contatti

Link

11 novembre 2011 5 11 /11 /novembre /2011 10:30

I lavoratori che interrompono l’attività lavorativa o che vogliono aumentare l’importo della loro pensione possono continuare a versare dei contributi volontari.

 

La domanda alla contribuzione volontaria deve essere accettata dall’Ente di previdenza.

 

Chi li può versare

Chi ha maturato almeno 5 anni di contributi effettivi o chi ha maturato almeno tre anni di contributi nei 5 anni che precedono la domanda di contribuzione volontaria, con una eccezione: i lavoratori part time, gli stagionali o i parasubordinati possono aver versato soltanto un anno di contributi nei 5 anni precedenti.

 

È possibile richiedere all’Ente di previdenza il permesso di continuare con la contribuzione volontaria se si è lavoratori parasubordinati e si vuole continuare a versare i contributi nei periodi in cui si smette di lavorare. Oppure anche quando ci si astiene dal lavoro tra i tre e gli otto anni di vita del bambino o quando si usufruisce di permessi come allattamento o assenza per malattia del bambino quando questi ha tra i tre e gli otto anni.

 

Quanto e quando si devono pagare

I contributi da pagare sono relativi a quanto si è guadagnato nel periodo precedente di attività lavorativa, in base alla categoria a cui si appratiene.

 

Si paga ogni tre mesi: entro il 30 giugno per i mesi da gennaio a marzo; entro il 30 settembre per i mesi da aprile a giugno; entro il 31 dicembre per i mesi di luglio settembre; entro il 31 marzo per i mesi da ottobre a

Condividi post

Repost 0
Published by ciro.uliano - in Assicurazione e Pensione
scrivi un commento

commenti