Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
4 dicembre 2013 3 04 /12 /dicembre /2013 16:27

Come strutturare la stesura del saggio breve 

Come strutturare la stesura del saggio breve

LA STRUTTURA DI UN SAGGIO BREVE

-
La consegna: insieme degli elementi prescrittivi che devono essere rispettati. Questi elementi possono consistere nel modello di scrittura (nel nostro caso il saggio breve), nella richiesta di formulazione di un titolo, nell'indicazione del destinatario, nella richiesta della destinazione editoriale, ecc. Legato alla consegna è il tempo massimo in cui svolgere la prova.
- Gli elementi di libertà: insieme degli elementi non vincolanti, quali l'impostazione del discorso, interpretazione dell'argomento.
- L'argomento: è collocato in quattro ambiti precisi (artistico-letterario, storico-politico, socio-economico, tecnico-scientifico) ed è formulato in modo sintetico per permettere allo studente la formulazione di un titolo più adatto ad introdurre la sua esposizione.
- Documenti: la documentazione fornita per la composizione di un saggio breve è chiamata "dossier" e si distingue in due tipologie: Documentazione oggettiva: dati numerici, tabelle cartine, foto; Documentazione soggettiva: articoli di giornale, citazioni letterarie, riproduzione di opere d'arte figurativa. La documentazione fornita non va utilizzata nella sua totalità, ma selezionata secondo il taglio critico che si intende impostare. Inoltre ciascuno studente può attingere al proprio bagaglio culturale o ad altri testi conosciuti.

Condividi post

Repost0
22 novembre 2013 5 22 /11 /novembre /2013 09:43
Quali sono i siti per scaricare musica gratis su internet?
Tutti siamo alla ricerca di siti per scaricare musica. C'è chi vuole scaricare brani classici non coperti da copyright e chi invece cerca canzoni alternative liberamente scaricabili.
Quali sono i metodi più veloci per avere i brani subito a disposizione sul proprio lettore mp3?

Esistono tante alternative, io le ho raggruppate per te in queste piccole sezioni. Scegli quella più adatta a te.
Metodo consigliato
YOUTUBE-MP3 è un sito web dove è possibile scaricare la tracce audio direttamente dai video di YouTube. Nulla di più semplice: basta solo inserire il link del video nell'apposito box. Vai al sito!
Scaricare MP3 da Youtube
Le migliori risorse web per scaricare le tracce audio direttamente dai video di YouTube.
Siti per scaricare musica gratis
Una lista dei migliori siti web che permettono di scaricare musica dal web senza problemi di copyright e senza YouTube.

Condividi post

Repost0
30 settembre 2013 1 30 /09 /settembre /2013 11:49

Uno dei termini più usati, e abusati, degli ultimi tempi è senza dubbio “spread”. Ma cosa si vuole intendere con questo termine? Tutti ne parlano, ma, probabilmente, non tutti sanno di cosa si tratta.

Lo spread è un numero che sta ad indicare un differenziale. In finanza, il termine spread può significare molte cose, ma quando ne sentiamo parlare in questo periodo è per esprimere la differenza tra due tassi di interesse, ossia quelli sui titoli pubblici. Naturalmente, di tassi sui titoli pubblici ce ne sono di vari tipi.

Qual è quello che ci interessa? Entrando nello specifico, diciamo che prendiamo in considerazione la differenza tra il rendimento dei Bund tedeschi e i nostri Btp decennali, ossia i Buoni del Tesoro Pluriennali. Di entrambi i titoli pubblici si prendono in considerazione i tassi a 10 anni. In altre parole, per sintetizzare, diciamo che quando si parla di spread si prende in considerazione la differenza tra i due tassi di cui sopra, ossia il divario tra BTP e Bund a 10 anni.

Detto questo, come si calcola? Si prende un Btp a 10 anni, se ne calcola il rendimento a scadenza, si fa la medesima cosa con il Bund tedesco e, in seguito, si fa la differenza tra i due valori ottenuti. In tutto questo si deve tenere sempre in mente un punto fondamentale: il rendimento di un titolo di Stato, come sono appunto Bund e Btp, dipende i primo luogo dal suo livello di rischio. In altre parole, se il rendimento è alto, si alza anche il pericolo che, alla scadenza, l’emittente non rimborsi il capitale. Detto questo, è facile capire perché, se lo spread sale ci si preoccupa, mentre se scende no. Se aumenta, significa che il rendimento dei nostri titoli di Stato Btp sta aumentando, mentre il Bund è un’obbligazione ritenuta sicura. Il tutto influisce sul mercato che vede con occhio diverso il nostro titolo di Stato, alla luce del fatto che si configura come meno sicuro rispetto a quello tedesco.

Tutto ciò pesa sul giudizio che i mercati hanno del nostro Paese che, quindi, potrebbe rischiare un default. Inoltre, quando lo spread Bund Btp aumenta, i nostri titoli di Stato perdono prezzo e, quindi, i mercati li percepiscono come pericolosi e non li acquistano. Questo giustifica tutta l’attenzione che, nell’ultimo periodo ma non solo, c’è attorno alla questione.

Condividi post

Repost0
19 luglio 2013 5 19 /07 /luglio /2013 16:15

Come arredare una camera da letto piccola. Arredare una casa nuova è sempre un'avventura entusiasmante. Anche se la casa scelta è di piccole dimensioni e sembra impossibile poter arredare la camera da letto a dovere, non c'è nulla di cui preoccuparsi. Seguendo i consigli giusti, si può trasformare il vostro piccolo spazio nella camera da letto che avete sempre sognato

La luce per la camera da letto piccola

Una corretta illuminazione rederà la vostra piccola camera da letto molto più grande di quanto non sia in realtà. Bisogna puntare su rivestimenti chiari che permettano alla stanza di incamerare più luce possibile. Ricordate sempre di illuminare la camera da letto anche in funzione delle attività che svolgete prevalentemente nell'ambiente. Ad esempio, se usate la camera da letto anche come studio, cercate di avere una corretta illuminazione per il lavoro, altrimenti potete scegliere anche un'illuminazione prevalentemente "decorativa".

Condividi post

Repost0
11 aprile 2013 4 11 /04 /aprile /2013 13:56

 


Come guarnire l'ananas  

Volete stupire i vostri ospiti giunti per un fresco aperitivo o deliziare i vostri bambini che non amano tanto la frutta? Ecco a voi una guida facile e veloce per presentare un ananas guarnito.

Scopri come fare:

1

Vi consiglio di acquistare più di un ananas, delle ciliege sciroppate, zucchero a velo, 4 banane. Se non lo avete, procuratevi in un negozio di casalinghi, lo strumento che serve a togliere la parte dura dell'ananas, in modo tale da ottenere fette intatte e col buco in mezzo. Potete anche acquistare dei bei piattini colorati e allegri usa e getta.

Occorrono:
Ananas, ciliege sciroppate, banane, zucchero a velo,arnese per togliere la parte dura dell'ananas, un coltello grande, un liquore per dolci per chi non apprezza lo zucchero a velo.
2

Una volta tornati a casa, tagliate via i ciuffi di ogni ananas con un coltello grande e andate a togliere la parte interna e dura con l'attrezzo che vi siete procurati. Una volta che avrete tolto la parte dura , procedete con il tagliare via la buccia in senso verticale col coltello grande.

3

Ora, sciacquate via i residui della buccia che sono abbastanza spiacevoli se capitano in bocca  Procedete a tagliare con attenzione le fette di ananas con mano ferma e, se possibile, tutte dello stesso spessore  ) Avrete quindi ottenuto le classiche fette di ananas uguali a quelle che acquistate sciroppate. 

4

Ora adagiate due fettine di ananas su ogni piattino (il numero varia a seconda degli ospiti) e procedete con lo sbucciare e tagliare a fettine regolari le banane. Adagiate una fettina di banana dentro al buco di ogni fetta di ananas.

5

Procedete con l'appoggiare in mezzo una ciliegina sciroppata per ogni fetta di ananas. Avrete così ottenuto che dentro ad ogni fetta di ananas ci siano una fetta di banana con sopra la ciliegina. Questo è un metodo simpatico per presentare l'ananas ai bambini che non sempre amano la frutta.

6

Ultimo passo, aprite la busta di zucchero a velo e spolverizzatelo su ciascun piattino di ananas. Servitevi di un passino. Se sapete che qualche ospite o familiare è a dieta, evitate lo zucchero a velo, in alternativa potete aggiungere una leggera spruzzata di liquore per dolci. Un liquore adatto potrebbe essere l'anice o il Maraschino.

7

Se questa ricetta non vi dovesse piacere, potete in alternativa frullare l'ananas e realizzare un drink con lo spumante più adatto che vi farete consigliare da un negoziante, credo che il Prosecco vada bene. Potete anche acquistare i bastoncini lunghi e tanta frutta per sbizzarrirvi nella creazione di succosi spiedini estivi. Ok anche la fresca anguria! Ricordate di separare bene i rifiuti anche se siete in vacanza! I resti delle bucce e della frutta vanno nell'umido, i piatti di plastica nella plastica o multimateriale.

Condividi post

Repost0
11 aprile 2013 4 11 /04 /aprile /2013 13:52

Come sbucciare un'ananas  

Per pulire un ananas occorrerà un pò di forza, infatti non cimentarti mai nell'impresa se dovrai perdere pazienza ed energie, in alternativa due braccia forti e possenti in casa non mancano mai, quindi fatti aiutare almeno nell'affettare da tuo marito. Per sbucciare, invece, potrai cavartela tranquillamente da sole, un vecchio trucco della nonna renderà facile e veloce questa operazione e certamente diventerà un consiglio prezioso da non dimenticare.

Scopri come fare:

1

Prendi un tagliere ed un coltello abbastanza lungo ed affilato, poggia l'ananas orizzontalmente ed elimina con un colpo secco la parte superficiale delle foglie rigide il cosiddetto "ciuffo", presta attenzione a tagliare 2 centimetri un pò più verso l'interno. Adesso, sempre mantenendo l'ananas orizzontale sul tagliere, con un altro colpo secco e deciso elimina anche l'estremità inferiore.

Occorrono:
ananas coltello tagliente lungo
tagliere coltello tagliente piccolo
2

Non gettarle mai il ciuffo poichè potrai usarlo per effettuare delle decorazioni sul piatto di portata, un ottima presentazione, certamente, vi farà riscuotere molto successo con i vostri ospiti per il fine pranzo o cena, del resto si sa che anche l'occhio in cucina vuole la sua parte! Prendi un gran piatto di porcellana o una sperlunga oppure un vassoio e posiziona il ciuffo proprio al centro, successivamente distribuirai le fette dell'ananas tutte intorno, l'effetto scenico sarà assicurato. Per per impiattare in modo originale ed invitate l'ananas, dividi in quattro parti il ciuffo e posizionale, su un ampio piatto, formando un rombo al centro del quale disporrai le fette di ananas creando una semplice piramide.

3

In base alla grandezza dell'ananas e della forma delle fette di ananas che vorrai avere, prima di pulire il frutto dalla buccia, taglialo a metà per ottenere delle fette a semicerchio oppure lascialo intatto per avere le classiche fette ben tondeggianti  Dopo taglia a fette dello spessore di un centimetro e mezzo, massimo due centimetri tutto l'ananas ancora con la scorza. 

4

Infine, senza alcuna difficoltà, con un coltello più piccolo e sempre affilato, sbuccia ogni singola fetta che hai precedentemente ottenuto eliminando la scorza dura tipica dell'ananas. Non ti resta che eliminare la parte legnosa centrale del frutto che, dopo aver sciacquato molto velocemente sotto l'acqua corrente, potrai disporre sul piatto già decorato e pronto per essere servito a fine pasto, grazie alle sue proprietà digestiv e, sarà senz'altro un toccasana.

Condividi post

Repost0
10 aprile 2013 3 10 /04 /aprile /2013 19:36

 


Come coccolare un gatto  

Ai mici piace essere coccolati ed accarezzati? Certo che si. Ma coccolare un gatto non è affatto semplice, i nostri amici pelosi cambiano spesso atteggiamento mentre li stiamo accarezzando, magari arrivano a graffiarci o morderci. Questo però non è dovuto all'antipatia del nostro felino preferito, bensì ad una nostra mancanza di dimestichezza con queste adorabili creature.

Scopri come fare:

1

Innanzitutto bisogna ricordare che i gatti possono agitarsi facilmente se vengono accarezzati con eccesiva forza o velocità, provocando in essi reazioni aggressive, come il morso o il graffio. Bisogna quindi procedere con lentezza, come a voler chiedere il "permesso" di accarezzarlo, dando al gatto la sensazione di avere il controllo di quello che sta accadendo : in questo modo non si innervosirà.
Il primo passo è quindi quello di allungare verso il gatto la mano (o un dito), e far sì che il gatto possa toccarla con il proprio naso. Se il micio non mostra interesse, la fissa soltanto e non tenta di avvicinarsi, significa che è il caso di lasciar perdere: in questo momento non desidera alcun contatto.
Se al contrario annusa la mano, ed inizia a strofinarsi con la testa oppure con il naso, significa che è ben disposto nei vostri confronti, e quindi potete preparvi a coccolarlo!

Occorrono:
un micio da coccolare
2

Adesso che vi accingete ad accarezzare il vostro gatto, sappiate che il metodo migliore è quello di di iniziare dalla testa, fra le due orecchie, continuando poi fino all'inizio della coda, sempre con gesti lenti e delicati, senza esisercitare pressioni eccessive. Evitate di toccare la coda.
Le carezze vanno effettuate sempre nella direzione del pelo e ma contropelo. Alcuni gatti prediligono essere letteralmente grattati, ma meglio evitare se non conosciamo il gatto che abbiamo di fronte.
La maggior parte dei gatti ama essere accarezzata sotto il mento, zona però delicata dove dobbiamo avere un tocco molto leggero.

3

Se il micio sta gradendo le nostre coccole, si inarcherà, venendo incontro alla nostra mano ed aumentando la pressione di conseguenza 
Parte sensibilissima del corpo del nostro adorato felino è la pancia; se il gatto è molto rilassato lo vedrete rotolarsi sul dorso e mettersi a pancino in sù    Non è detto però che il gatto voglia essere accarezzato sul ventre, facciamolo solo se abbiamo familiarità col micio, altrimenti è sconsigliato farlo.. 

4

Toccare la pancia può essere scambiato dal gatto come un invito al gioco, e quindi potrebbe afferarvi la mano con le zampe anteriori tirandola a sé, per poi morderla e graffiarla con le zampe posteriori, tutto questo in una manciati di secondi. In tal caso non cercate di tirare la mano, ma lasciategliela e cercate di tranquillizzarlo "parlandogli" con tono calmo e pacato, finchè non allenterà la presa. Tirare via la mano con violenza, rischia di essere solo controproducente, finendo col venire graffiati e morsi più gravemente.

Condividi post

Repost0
8 aprile 2013 1 08 /04 /aprile /2013 12:49
Come unire più file PDF con Anteprima

Mettiamo il caso che abbiate più file in PDF e abbiate necessità di unire tutte le pagine e creare un documento unico. Come fare? Come unire più file PDF? In rete ci sono tantissimi programmi leggeri e gratuiti che potete scaricare ed utilizzare senza grossi problemi, ma se siete Mac-user questo processo può avvenire in pochi click utilizzando Anteprima.

Scopri come fare:

  • 1
    Come unire più file PDF con Anteprima

    Anteprima è un programma pre-installato sul vostro Mac che vi permette di visualizzare i documenti in PDF, JPEG, TIFF e PNG, e apportare qualche semplice modifica.
    Una facoltà di Anteprima è proprio quella di unire più file PDF. Ci sono due modi per poterlo fare, uno più semplice dell'altro.

  • 2
    Come unire più file PDF con Anteprima

    Primo metodo. Aprite uno dei file PDF che volete unire poi con il mouse andate sulla barra in alto e cliccate su "composizione"; fatto ciò si aprirà il menù a tendina e dovrete selezionare "inserisci". A questo punto avrete tre opzioni: Pagina dallo scanner; Pagina dal file; Pagina vuota. Quindi: Composizione > inserisci > pagina da...
    Se volete unire un documento dallo scanner selezionerete il primo; se invece volete inserire la pagina vuota, ad esempio per creare uno spazio di divisione all'interno del file, selezionerete il terzo; e se invece volete inserire un documento che avete già in PDF selezionerete il secondo.
    Una volta inserito il nuovo file attraverso la selezione desiderata, tutte le pagine del vostro documento verranno visualizzate in miniatura nella barra laterale. Se non visualizzate fin da subito le miniature dovete cliccare su "visualizza" che si trova nella barra in alto e selezionare "miniature". Potete scegliere anche l'ordine delle pagine: nella barra laterale dove visualizzate le miniature, semplicemente trascinate le pagine e disponetele nell'ordine che desiderate.Infine salvate il nuovo file semplicemente cliccando su Salva o Rinomina a seconda delle vostre esigenze.

  • 3
    Come unire più file PDF con Anteprima

    Secondo metodo  Anche questo procedimento è altrettanto facile . Aprite tutti i file PDF che volete unire e selezionate nella barra in alto per visualizzare le miniature che compariranno a lato dei vostri file  Ora il gioco è praticamente fatto: non dovete fare altro che trascinare e spostare le miniature a vostro piacimento per creare il vostro nuovo file PDF 
    Ora non vi resta che salvare  Selezionate File e in seguito Rinomina, per creare un nuovo documento PDF; oppure semplicemente Salva per modificare la versione originale con il nuovo file. 

Condividi post

Repost0
7 aprile 2013 7 07 /04 /aprile /2013 10:28

Spazzole pulite per capelli splendenti

set di spazzole

Sono alleati della nostra bellezza, ci aiutano a tenere a bada criniere più o meno indomabili e soprattutto sono responsabili della loro salute: tutti sappiamo quanto bene faccia, la sera, prima di andare a letto, spazzolare con cura i capelli, magari a testa in giù, così da riattivarne la circolazione e distribuire il sebo su tutta la lunghezza, nutrendoli.

Stiamo parlando di spazzole, pettini, bigodini, usati quotidianamente da tutti noi, e spesso da diversi membri della famiglia. In quanto oggetto promiscuo, necessitano di una manutenzione costante, che ne garantisca non solo l'efficacia, (si pensi alle setole delle spazzole) ma anche un'igiene profonda.

E naturalmente non basta tirare via i capelli che vi rimangono incastrati. Spazzole e pettini vanno proprio lavati, per eliminare forfora, grasso e batteri. Vediamo come: dopo aver levato via i capelli dai denti o dalle setole, immergere spazzole e pettini in una bacinella di acqua calda nella quale avremo fatto sciogliere un po' di shampoo neutro o del bagnoschiuma, insieme ad un cucchiaino di bicarbonato. Dopo averli tenuti a bagno per un'ora, ma anche di più, spazzole e pattini vanno sciacquati sotto l'acqua tiepida e fatti asciugare all'aria.

Sapone di MarsigliaEvitiamo termosifoni e fonti dirette di calore che rischiano di deformare il nostro prodotto, approfittiamo invece di una bella giornata di sole e mettiamoli ad asciugare all'aria aperta, ricordandoci di riporli con le setole verso l'alto onde evitare che si ammacchino, diventando inservibili.

Un'alternativa meno profumata al bagnoschiuma è costituita dall'ammoniaca che sgrassa e disinfetta in maniera efficace: il lavaggio con ammoniaca richiede, come il precedente, un ammollo di un'ora, e poi il risciacquo.

Veloce, ma sempre poco odoroso, è invece il metodo di pulizia con la candeggina: ne bastano tre cucchiai uniti a tre di bicarbonato sciolti nell'acqua calda. L'operazione di lavaggio e di risciacquo però dovrà essere rapida. Alternative sempre valide, prevedono l'utilizzo di sapone da cucina al posto del bagnoschiuma, oppure l'ausilio del sale da cucina al posto del bicarbonato. Se la spazzola che dobbiamo lavare è in legno e setole, dovremo usare un lavaggio meno aggressivo: acqua calda e succo di limone saranno ideali allo scopo.

Condividi post

Repost0
4 aprile 2013 4 04 /04 /aprile /2013 18:56

 


Come scegliere le mattonelle per il pavimento  

Esiste una gran varietà di mattonelle per il bagno, forme, colori, materiali. E' possibile trovarne davvero per tutti i gusti e di tutti i tipi. L'ampia scelta può generare confusione nel momento in cui c'è bisogno di scegliere le mattonelle adatte per i pavimenti di casa, è bene quindi avere un'idea di cosa si adatta maggiormente alle nostre esigenze, per poterci recare ad acquistare con consapevolezza. A seconda della destinazione d'uso della stanza in cui andremo a sistemare il pavimento, avremo diversi criteri di scelta e indicazioni di massime da seguire.

Scopri come fare:

  • 1

    Il primo passo da fare prima di affrontare l'acquisto è prendere le misure della stanza. In caso contrario si rischia di non saper rispondere alla domanda sulla quantità di mattonelle di cui abbiamo bisogno, una volta deciso per l'acquisto, con lo spiacevole sconveniente di dover tornare nuovamente al negozio. Decidiamo la forma delle mattonelle che vogliamo, le più classiche e semplici da installare sono quelle di forma quadrata, ce ne sono di varie dimensioni. Con le mattonelle più piccole avremo meno sprechi, per quelle grandi potremo doverne rompere di più allo scopo di ritagliare la quantità esatta da applicare nei punti dove c'è necessità di andare a completare gli spazi vicino ai muri. Difficilmente riusciremo a coprire la superficie del pavimento con un numero esatto di mattonelle e quelle vicino alle pareti andranno tagliate per adattarle agli spazi.

  • 2

    Se vogliamo scegliere forme diverse da quella quadrata o anche rettangolare, optando ad esempio per una forma ad esagono, dovremo fare un calcolo più complesso per capire quanti pezzi ci servono e il posizionamento richiederà più attenzione. Le mattonelle possono avere una colorazione a tinta unita, fantasie che non richiedono particolare studi di composizione o fantasie complesse che richiedono di posizionare le mattonelle in una sequenza ben precisa per rispettare il disegno più grande che vanno a comporre. Più saranno complesse le decorazioni e i disegni che compaiono sulle mattonelle e più sarà impegnativo andarle a sistemare sul pavimento e l'attenzione richiesta nel montaggio sarà maggiore.

  • 3

    Per quanto riguarda i materiali, questi andranno scelti in base alle esigenze di durezza, resistenza agli urti ed ai graffi, assorbimento e facilità di pulizia  Per una stanza da bagno avremo bisogno di mattonelle dalla superficie liscia e non porosa, che non tendano quindi ad assorbire acqua e siano facilmente asciugabili   Per una stanza in cui potremo avere cadute di oggetti e il pavimento è a rischio urti, come ad esempio in cucina, è consigliabile scegliere un materiale duro come il cotto o ancora meglio il gres porcellanato  Questi materiali sono ruvidi e un po' più impegnativi da pulire, ma hanno una resistenza agli urti molto elevata e sono praticamente indistruttibili  Infine, ricordiamoci sempre di acquistare qualche mattonella in più rispetto a quelle necessarie calcolate  Durante la fase di montaggio qualcuna potrebbe rompersi ed è bene avere qualche pezzo di scorta. 

Condividi post

Repost0