Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Presentazione

  • : Bloggercirouliano
  • Bloggercirouliano
  • : Il blog di Ciro Uliano
  • Contatti

Link

23 marzo 2014 7 23 /03 /marzo /2014 10:22

The iPhone 5 is a very noticeable 18% slimmer than the 4S. In order to reduce thickness, Apple had to completely overhaul previously used technology – like replacing the 30-pin connector with the new Lightning connector – or further reduce size of existing components, something you’ll notice when you realize that your shiny new iPhone doesn’t have enough room for your standard SIM or Micro SIM card; the iPhone 5 uses an even smaller Nano SIM card.

Now, there are two ways of going about getting your Nano SIM card. The first thing to do is to visit your wireless network’s local customer service center and get them to replace your current SIM with a Nano SIM, or you can follow the guide after the jump and turn your SIM into a Nano SIM at home.

20120921131825590

The guide is very simple and straightforward. You will require the following apparatus:

  • A printer
  • A4-sized page
  • Tape
  • Ruler and marker
  • Scissors
  • Sandpaper or file

When you are in possession of these items, you have my permission to slice (your SIM card).

Step 1: Print the PDF we’ve linked here at 100% scale on an A4 page.

How to cut Nano SIM

Step 2: Place your current SIM card (Mini or Micro) on the designated area. If you have a Mini SIM, place it on the second highlighted area. If you have Micro SIM, place it on the third and last.

Step 3: Firmly stick your SIM to the highlighted outline using a piece of tape. Be sure to align the edges properly.

20120921133818155

Step 4: Use a ruler + marker to accurately mark the five lines along which you have to cut.

Step 5: Cut it! Be very careful. Take things slowly. You may damage your card if this isn’t done properly.

20120921133715119

Step 6: Smooth out the edges of your freshly-cut Nano SIM by using sandpaper or a file. Again, be very careful in this step as it may damage the SIM card’s circuitry if you sand the SIM more than needed.

Voila! You now have a Nano SIM that should, technically, work with an iPhone 5.

This is, of course, not a completely foolproof method. There is a chance that you may permanently damage your SIM card, so proceed with extreme caution. If you don’t have any backup SIM to use with your current phone, I would highly suggest going through the effort of visiting your local customer service center; it’s better than being stuck without a phone. Redmond Pie will not be held responsible if you damage your SIM card in the process of following this guide.

As I see it, the Nano SIM is the smallest SIM cards we will have for a while. There is virtually no area left on the SIM that isn’t the contact area. The next generation of SIM cards – I’m betting they’ll be called “pico SIM cards” – will have to reduce the contact area itself rather than cutting off the area around them.

Repost 0
Published by ciro.uliano - in Software e Hardware
scrivi un commento
2 gennaio 2014 4 02 /01 /gennaio /2014 20:38
Se passate a Mac potrebbe capitarvi di notare che sulla tastiera manca il comando "print screen" per fare appunto uno screenshot. Niente paura perché vedremo che quest'operazione è tutt'altro che difficile e ci permette di ottenere risultati ottimi a seconda delle esigenze.
Istruzioni
  1. Difficoltà  

    Cosa serve

    • Mac OS X Leopard
    Per fare uno screenshot dell'intero schermo del tuo mac è sufficiente premere contemporeaneamente i tasti Command (mela) - shift - 3. In questo modo otterrete un'istantanea del vostro schermo che vi si salverà direttemente sulla scrivania come un documento in formato.png visibile attraverso l'anteprima.
Repost 0
Published by ciro.uliano - in Software e Hardware
scrivi un commento
2 gennaio 2014 4 02 /01 /gennaio /2014 20:25

 Con i suoi milioni di video musicali, trailer di film e videogame, spot pubblicitari e filmati divertenti, YouTube è una miniera inesauribile di video che, scommetto, vorresti tanto scaricare sul tuo PC per rivedere ogni volta che vuoi. Ho indovinato? Beh, allora che ne dici se scopriamo insieme come scaricare video da YouTube gratis?

 

Forse non lo sai, ma esistono tantissimi servizi online, programmi ed estensioni per il browser che permettono di scaricare video da YouTube gratis in vari formati, così potrai gustarti i tuoi video preferiti in qualunque momento e su qualsiasi dispositivo, non solo il PC ma anche il telefonino, il lettore DVD da salotto, ecc..

 

Ecco tutte le migliori risorse elencate per te! guarda Programmi per scaricare video da YouTube guarda YouTube video divertenti Se vuoi scoprire come scaricare video da YouTube gratis senza dover installare programmi o plug-in sul tuo computer, non puoi che rivolgerti a un servizio online.

 

Eccone qualcuno fra i più interessanti. Save Media: se stai cercando un servizio online per scaricare video da YouTube facilmente e senza perdere tempo, non puoi che iniziare il tuo percorso da qui. Per effettuare il download di un filmato con Save Media, non devi far altro che collegarti alla pagina del video di YouTube che vuoi scaricare, sostituire la prima parte del suo URL con l’indirizzo savemedia.com (es. www.youtube.com/watch?v=xxx deve diventare www.savemedia.com/watch?v=xxx) e premere il tasto Invio della tastiera del PC per ricaricare la pagina. Nella pagina che si apre, attendi che compaia l’avvio di Java, clicca su Esegui e scegli il formato e la risoluzione in cui vuoi salvare il video di YouTube cliccando sulle voci Save as High Quality – 1920×1080 MP4, (per scaricare il filmato in formato MP4), Save as High Quality – 320×240 3GP (per scaricare il file in formato 3GP per cellulari), e così via.

 

KeepVid: si tratta di un servizio online storico per scaricare video da YouTube. Per usarlo, collegati alla sua pagina principale, incolla l’indirizzo (URL) del video che vuoi scaricare nella barra collocata in alto e premi il pulsante DOWNLOAD. Accetta quindi l’esecuzione del software Java cliccando sul pulsante Esegui della finestra che si apre e clicca sulle voci Download FLV, Download MP4, Download WebM, ecc. che compaiono al centro dello schermo per scaricare il filmato nel formato che più preferisci.

 

OVGET: un altro ottimo servizio online completamente gratis per il download dei video di YouTube. Per utilizzarlo, collegati alla sua pagina principale, incolla l’indirizzo del filmato da scaricare nell’apposito campo di testo e fai click sul pulsante arancione Download. Accetta quindi l’esecuzione del software Java, cliccando sul pulsante Esegui ed avvia lo scaricamento del video selezionando sul formato e la risoluzione che più preferisci: MP4 HD 1080p quality per scaricare il filmato in formato MP4 HD, FLV Medium Quality per scaricare il filmato in formato FLV a qualità standard e così via.

 

Ai servizi online preferisci i classici programmi, che permettono di scaricare video da YouTube gratis direttamente dal desktop di Windows? Eccoti accontentato con una piccola rassegna dei migliori software del genere.

 

Free YouTube Download: un nome, un programma. Questo ottimo software gratuito per Windows permette di scaricare video da YouTube in vari formati e qualità e supporta anche la modalità batch, ossia permette di scaricare più video contemporaneamente.

Per scaricare dei filmati da YouTube con Free YouTube Download, incolla i loro indirizzi nella finestra principale del programma, scegli la qualità e il formato in cui salvare i video (es. Converti in MP4 (qualità originale) per gli MP4 in alta definizione o Solo il download per il formato flash in risoluzione standard) dall’apposito menu a tendina e clicca sul pulsante Download che si trova in basso a destra.

 

4k Video Downloader: questo programma molto leggero e facile da usare permette di scaricare video da YouTube velocemente, in vari formati e qualità (anche in serie). Per usarlo, incolla all’interno della finestra principale del programma gli indirizzi dei video da scaricare cliccando sul pulsante Incolla URL (in alto a sinistra) e, nella finestra che si apre, seleziona il formato in cui scaricare il video e clicca sul pulsante Download per avviare il download. Oltre a YouTube, il programma supporta anche altri siti di video, come Vimeo e Dailymotion, e social network come Facebook.

 

Orbit Downloader: si tratta di un ottimo download manager che, una volta installato sul PC, arricchisce tutti i browser (Internet Explorer e Firefox, ad esempio) di un plugin che permette di scaricare i video da YouTube con un solo click. Posizionando il puntatore del mouse sul video di YouTube da scaricare, vedrai infatti comparire un pulsante bianco con scritto all’interno Get it. Cliccaci sopra e si avvierà il download del video selezionato.

 

MacX YouTube Downloader: utilizzi un Mac? Allora puoi scaricare filmati da YouTube utilizzando l’applicazione gratuita MacX YouTube Downloader, che spicca per la cura della sua interfaccia utente e la sua estrema facilità di utilizzo. Per scaricare un video con quest’ultima, clicca sul pulsante Add YouTube URL che si trova in alto a sinistra ed incolla l’indirizzo del video che vuoi scaricare nel campo di testo collocato al centro della finestra che si apre. Successivamente, fai click sul pulsante Paste and Analyze, metti il segno di spunta accanto alla voce relativa al formato in cui desideri scaricare il video (es. Mp4 640×360, WebM 854×480, ecc.) e clicca prima su OK e poi su Download Now per avviare lo scaricamento. Infine, ecco un paio di componenti aggiuntivi per il browser che ti permetteranno di scoprire come scaricare video da YouTube gratis senza muoverti da YouTube e senza installare programmi extra sul computer.

 

Chrome YouTube Downloader: se vuoi scaricare video da YouTube senza fatica e utilizzi il browser Google Chrome, collegati al sito Internet dell’estensione Chrome YouTube Downloader e clicca sul pulsante nero Download Now! per scaricare quest’ultima sul tuo PC. A download ultimato apri, facendo doppio click su di esso, l’archivio appena scaricato (es. chrome-youtube-downloader-2.6.15.zip) ed estrai il file chrome-youtube-downloader-2.6.15.crx contenuto in esso in una cartella qualsiasi. A questo punto, recati nell’elenco delle estensioni installate nel tuo Chrome, cliccando sul pulsante Menu e selezionando la voce Strumenti > Estensioni dal menu che compare e, nella scheda che si apre, procedi all’installazione di Chrome YouTube Downloader trascinando il file crx dell’estensione nella finestra del browser. Ad installazione dell’add-on completata, collegati alla pagina di YouTube con il video che vuoi scaricare, clicca sulla freccia del pulsante Download presente sotto al video e seleziona dal menu che compare la voce relativa al formato in cui vuoi scaricare il video (es. MP4 HD, FLV, ecc.). Video DownloadHelper: se utilizzi il browser Mozilla Firefox e vuoi scaricare video da YouTube, non puoi assolutamente prescindere da questa estensione. Collegati quindi al sito Internet Mozilla Addons e clicca prima sul pulsante verde Aggiungi a Firefox e poi su Installa adesso e Riavvia adesso per riavviare il browser e completare l’installazione di Video DownloadHelper. A questo punto, collegati alla pagina di YouTube contenente il video che vuoi scaricare, aspetta che l’icona di Video DownloadHelper comparsa nella barra degli strumenti di Firefox inizi a muoversi e clicca sulla freccetta che si trova accanto a quest’ultima per selezionare il formato di video da scaricare (es. video.mp4 o video.flv).

 

Ora sai come scaricare video da YouTube gratis.

Repost 0
Published by ciro.uliano - in Software e Hardware
scrivi un commento
1 aprile 2013 1 01 /04 /aprile /2013 21:15

 

Molte delle lamentele degli utenti di YouTube riguardano proprio la presenza della fastidiosa pubblicità prima di ogni video. Inizialmente erano presenti piccoli banner nella parte bassa dei video che si potevano chiudere facilmente mentre ora la pubblicità prima dei video di YouTube sono dei veri e propri spot pubblicitari che infastidiscono non poco gli utenti.

Google, proprietario anche di YuoTube, ha deciso di inserire spot pubblicitari su questa piattaforma video, costringendo la loro visualizzazione prima di iniziare la riproduzione del video scelto. 

Oggi vedremo come bloccare questa pubblicità su vari broswer come Google Chrome e Mozilla Firefox.
Le estensioni più usate sono sicuramente AdBlock per Firefox e Chrome, mentre TubeStop disponibile solo per Mozilla Firefox.
Partiamo col vedere di cosa avremo bisogno su entrambi i broswer:

• Per prima cosa scarichiamo l’estensione AdBlock per Chrome o per Mozilla Firefox
• Una volta scaricata, l’estensione si auto installerà, e comparirà una manina con un cerchio rosso in alto a destra del broswer.

Adesso non rimane che fare la prova del nove ed andare su youtube, e vedere come effettivamente i video partiranno senza spot pubblicitari, in modo da poterci godere tutta la nostra selezione senza la fastidiosa pubblicità.

Ricordiamo inoltre che AdBlock non blocca solamente la pubblicità prima dei video di YouTube ma anche la pubblicità, i banner pubblicitari e i fastidiosi popup durante la navigazione. Uno strumento quindi completo utile non sono per il fine con il quale è stato citato in questo articolo.

Un’altra estensione per Mozilla Firefox che sta prendendo piede realizzata appositamente per rimuovere la pubblicità prima di un video di YouTube è TubeStop, anche questa addons si auto installa e si configura molto semplicemente, ecco il link per effettuare il Download.

Repost 0
Published by ciro.uliano - in Software e Hardware
scrivi un commento
28 gennaio 2013 1 28 /01 /gennaio /2013 16:29

 

Come installare e configurare Gplay  

Sei uno che va pazzo per la musica??? o sei uno a cui piace rilassarsi con la musica ??? alloea GPlay è il software di riproduzione multimediale adatto a voi. GPlay, ormai da anni, è diventata una delle applicazioni più utilizzata per riprodurre musica e film sui dispositivi mobili, ma la grande novità è che ora GPlay è disponibile anche per PC e per Mac. Gplay è un piccolo software che soddisfa tutte le esigenze per riprodurre musica in tantissimi formati audio come il formato MP3, WAV, WMA, FLAC, OGG, ecc... Ma grazie alla nuova versione di GPlay, da ora sarà possibile anche vedere i filmati direttamente da GPlay sui nostri dispositivi mobili e sui computer. Inoltre GPlay è in grado di aprire tantissimi file video in diverso formato come il formato XVID/DIVX AVI, RMVB, WMV, ASF, MKV, TS, ecc... Possiamo anche visualizzare i sottotitoli dei nostri filmati direttamente da GPlay nei formati SUB, SMI, ASS, SRT, TXT. Inoltre con GPlay si può usufruire delle funzionalità extra, come ad esempio, la sicronizzazione automatica di vari dispositivi tramite Blueooth o WiFi. Inoltre un elemento da sottolineare è che GPlay è totalmente gratuito e scaricabile per cellulari e computer senza nessun bisogno di configurare niente. Ora vediamo come possiamo installare GPlay con pochi e semplici passaggi ...

Scopri come fare:

1

Per prima cosa dobbiamo scaricare il file d'installazione di GPlay dal sito del produttore, perciò, clicchiamo QUI per avviare il download del file d'installazione di GPlay, l'operazione richiederà circa 50 secondi, dopodiché il file d'istallazione sarà pronto.

2
Come installare e configurare Gplay  

Una volta scaricato il file d'installazione di GPlay dobbiamo aprirlo. Nella finestra che ci comparirà, il programma d'installazione di GPlay ci dà il benvenuto nell'installazione di GPlay, perciò, premiamo il tasto Next per iniziare.

3
Come installare e configurare Gplay  

Adesso nella finestra dovremo accettare le condizioni e i termini di utilizzo, cioè dovremo dichiarare di non usare il software per scopi illegali, perciò, Selezioniamo La Casellina Accetta, dopodiché, premiamo nuovamente il tasto Next.. 

4
Come installare e configurare Gplay

Adesso, il programma d'installazione di GPlay ci mostrerà automaticamente la cartella dentro la quale sarà installato GPlay tra breve, perciò noi dovremo confermare l'intenzione di utilizzare quella cartella premendo il pulsante Next.

5
Come installare e configurare Gplay

Adesso, il programma d'installazione di GPlay ci mostrerà automaticamente la cartella dentro la quale sarà installato il file dei Plug-in, cioè i file che servono per la riproduzione di vedeo e audio, perciò confermiamo l'intenzione premendo il pulsante Next.

6
Come installare e configurare Gplay

Nella schermata seguente, il file d'installazione di GPlay ci comunica che GPlay verrà aggiunto anche nella barra di avvio rapido che ci faciliterà l'avvio del nostro software multimediale, perciò confermiamo cliccando il tasto Next.

7
Come installare e configurare Gplay

Nella finestra successiva il file d'installazione di GPlay ci segnalerà un riepilogo di ciò che sta per installare, verranno visualizzati anche i Plug in che saranno installati, perciò confermiamo che vogliamo installare GPlay e clicchiamo il tasto Install.

8
Come installare e configurare Gplay

Adesso GPlay verrà installato automaticamente in pochi secondi, dopodiché, il file d'installazione di GPlay ci comunicherà l'esito positivo dell'installazione, perciò per avviare il nostro piccolo e grande software clicchiamo il tasto Finish.

9
Come installare e configurare Gplay

Adesso possiamo godere la nostra adorata musica come vogliamo noi, il software sarà installato in lingua Italiana, e si sincronizzerà automaticamente con la libreria multimediale del nostro PC, è possibile avviare GPlay in modalità nascosta in modo che possiamo ascoltare le nostre canzoni mentre lavoriamo al PC.

Repost 0
Published by ciro.uliano - in Software e Hardware
scrivi un commento
6 gennaio 2013 7 06 /01 /gennaio /2013 00:05

 

 

Come stampare una pagina web in modo ottimale  

Quante volte avete deciso di stampare una pagina web che vi interessava, e vi siete ritrovati con moltissimi fogli inutili pieni di pubblicità, fotografie ed altro contenuto? Mentre l’ articolo che vi piaceva occupava solo una piccolissima parte di tutto quello spazio? Credo che sia successo tante volte a tutti voi, ma non sapevate come fare per stampare solo l’ articolo o la ricetta che vi appassionava. Avete quindi optato per stampare tutte le pagine, oppure avete copiato l'articolo incollandolo in un programma come Word per evitare lo spreco di carta.

Scopri come fare:

  • 1

    Per risolvere questo problema, ed evitare spreco di tempo e di carta, esiste un’ estensione apposita per Chrome e Firefox, che vi consente di leggere solo le parole che hanno attirato la vostra attenzione, di inviarle al vostro Kindle in una maniera leggibile, di salvare il testo per leggerlo in un altro momento e di stamparlo nel modo che volete. Questa estensione si chiama “Readability”, e ha molte funzioni interessanti, che non dovrebbero mancare nel vostro browser preferito.

  • 2

    L’ installazione è semplice, per quanto riguarda Chrome basta andare sul menù generale a destra, cliccare Strumenti e poi Estensioni. Quindi andate su Prova altre estensioni, giù in basso, e scrivete “Readability” sulla casella Cerca. Si aprirà una lista, l’ estensione che ci interessa è la prima, cliccate Aggiungi e sarà scaricata e installata nel nostro browser. Per quanto riguarda Firefox, il sistema è simile, basterà cliccare su questo link: Readability Firefox, e poi su “Aggiungi a Firefox”, il componente sarà scaricato e aggiunto al vostro browser, dopo di che dovrete riavviarlo perché sia installato in modo corretto.

  • 3

    Se navigate con Chrome, quando troverete un articolo, o un post che vi interessa basterà cliccare sulla poltroncina rossa alla vostra destra e scegliere Read Now.  In questo modo la pagina verrà convertita in modalità semplificata, senza pubblicità e senza immagini.    Su Firefox, invece, troverete tre icone sulla vostra sinistra a forma di libro, la prima a sinistra è Read Now, e la funzione ovviamente è la stessa.. 

  • 4

    Nella pagina a modalità semplificata troverete sulla vostra sinistra un menù con varie possibilità, tra le quali la stampa, la condivisione su Facebook e su Twitter, la possibilità di mandare un’ email a qualche vostro amico con l’ articolo in questione, il collegamento con il vostro Kindle, e il download in formato Epub..Se vi iscrivete gratuitamente al sito http://www.readability.com/, potrete anche consultare la lista degli articoli che avete convertito.

Repost 0
Published by ciro.uliano - in Software e Hardware
scrivi un commento
13 agosto 2012 1 13 /08 /agosto /2012 12:53

Dunque, il modem avrà un suo indirizzo (parlo di quello privato, non quello pubblico che gli viene dato quando si connette) diciamo ad esempio sia 192.168.1.1
Il pc di casa avrà un suo indirizzo (sia 192.168.1.2)
l'access point anche avrà un indirizzo (sia 192.168.1.3)
A questo punto il tuo portatile deve avere un indirizzo digverso da tutti questi quindi o lo imposti a mano diverso da questi 3 oppure se è attivo il DHCP sull'access point controlli che gli indirizzi che lui può assegnare (troverai una cosa tipo pool di indirizzi oppure da indirizzo a indirizzo) non comprendano quelli che sono già occupati (nell'esempio puoi dirgli di attribuire da 192.168.1.4 in poi) altrimenti se sulla rete si trovano due indirizzi uguali ti da quel messaggio.

Repost 0
Published by ciro.uliano - in Software e Hardware
scrivi un commento
3 luglio 2012 2 03 /07 /luglio /2012 07:53

 

Tra i numerosi servizi che offre la Rete, la posta elettronica è tra quelli maggiormente utilizzati. Ti permette di scambiare velocemente messaggi e file con persone che sono dal'altra parte del mondo. Eudora è forse meno conosciuto, ma è uno dei migliori programmi per la gestione della tua posta elettronica.

  • 1
    Come Utilizzare Eudora 5.1
    Per installare il programma, usa la procedura classica d'installazione guidata. Fai clic su Next per iniziare l'installazione e premi Yes per accettare i termini di licenza del programma. Puoi anche installare. oltre al programma vero e proprio, PureVoice, che è un software che serve per mandare e ricevere messaggi vocali. puoi anche installare Importers, che ti permette di importare le impostazioni da Outlook e da altri programmi in maniera automatica.
  • 2
     
    Occorrente
    • Computer
    • Eudora 5.1
    Se non vuoi installare questi programmi, togli il segno di spunta dalla voce corrispondente. Quando hai finito, fai clic su Next. Nella schermata successiva puoi scegliere in quale cartella installare il programma e, in quella che appare in seguito, in quale cartella conservare i messaggi e gli allegati ricevuti. Quando finisci l'installazione, puoi avviare il programma dal menu Start - Programmi - Eudora.
  • 3 Se vuoi eliminare il programma, chiudilo e fai clic su Start - Impostazioni - Pannello di controllo. Fai doppio clic sull'icona Installazioni applicazioni e, nella finestra Installa/ Rimuovi, seleziona Eudora. Poi scegli Aggiungi/Rimuovi e conferma la tua scelta. Logicamente, per poter usare il programma devi disporre di un collegamento Internet. Devi configurare il tuo programma di posta elettronica per poter scaricare e le tue e-mail dal server, sul tuo computer.
  • 4 La prima volta che avvii Eudora, ti viene richiesto di attivare un indirizzo e-mail. Facciamo finta di dover configurare la e-mail valentinobianchi7070@tin.it e vediamo come procedere. Ti viene richiesto il nome utente, che è il nome di posta elettronica che hai scelto, cioè valentino, cioè il tuo UserID. Nel login del nome, inserisci valentinobianchi7070, tutto per esteso e tutto minuscolo, cioè il nome con cui il sistema ti riconosce.
  • 5 Poi devi inserire il Pop3 server, che è il server che gestisce la posta che riceverai, cioè box.tin.it. Successivamente, devi inserire il Smtp server, cioè il server a cui va indirizzata la posta in uscita. L'indirizzo di questo server è mail.tin.it. Puoi verificare tutti i parametri, e modificarli se ne hai bisogno, dal menu Tool - Option. Su questa schermata delle impostazioni, puoi intervenire su tante impostazioni.
  • 6 Quando usi Eudora, sappi che nella maggior parte delle finestre, puoi usare il tasto destro del mouse per far apparire un menu con le opzioni su misura per quella finestra. Se preferisci usare la tastiera, la combinazione dei tasti è SHIFT F10. Quando mandi una e-mail, puoi allegare foto e immagini, ma fai attenzione alle dimensioni dei file perché corri il rischio di intasare il sistema. Se vuoi allegare un file con Eudora, fai clic con il pulsante destro del mouse sulla e-mail che vuoi spedire e scegli la voce Attach File e seleziona il file da inviare.
  • 7 Per semplificare l'invio dei messaggi, puoi inserire gli indirizzi nella rubrica che ti mette a disposizione il programma. Per accedere alla Rubrica fai clic sull'icona corrispondente che è presente nella barra degli strumenti, oppure seleziona Address Book dal menu Tools. Fai clic su New per inserire un nuovo indirizzo. Compila anche i campi nella parte destra della finestra e registrare anche informazioni relative a numeri di telefono e cellulari.
  • 8 Se vuoi inviare lo stesso messaggio a più persone, riunisci tutti gli indirizzi che vuoi includere, in una mailing list sotto lo stesso nickname. Per usare un indirizzo di posta registrato in rubrica, scrivi prima il testo della e-mail, poi posiziona il cursore a fianco di To, Cc o Bcc, in base a dove vuoi che venga inserito l'indirizzo e fai clic sull'icona della rubrica nella barra degli strumenti. Seleziona il contatto e fai clic su di esso per due volte.
  • 9 Per creare dei filtri che smistano in maniera automatica la posta, seleziona Filters dal menu Tools. Visualizzi così la finestra dei filtri. Fai clic su New e scegli se applicare il filtro alla posta in arrivo o a quella in uscita, oppure manualmente. Devi quindi scegliere cosa filtrare e cosa vuoi che il programma esegua quando identifica un messaggio che desideri venga filtrato. Come ultima azione inserisci Skip Rest. Se vuoi creare un filtro più veloce da un messaggio che hai ricevuto, apri l'e-mail e fai clic su Special - Make Filter. Viene così creato un filtro che eliminerà tutti i messaggi in arrivo da quel mittente.
Repost 0
Published by ciro.uliano - in Software e Hardware
scrivi un commento
1 maggio 2012 2 01 /05 /maggio /2012 14:55

Moltissime persone usano il computer o ne posseggono uno, ma non sono poi tanti quelli che sanno davvero cosa c'è dentro la loro macchina, sia come hardware, sia come software. Invece bisognerebbe sempre sapere sia che tipo di componenti sono presenti all'interno del PC, sia quali software, driver e aggiornamenti vi siano installati. Questo perché così si può mantenere il computer in efficienza e risolvere rapidamente eventuali problemi come conflitti o malfunzionamenti. Per fortuna in tuo soccorso arrivano diversi programmi che si occupano proprio di fare una scansione della macchina dandoti poi la possibilità di visualizzare dettagliati rapporti circa tutti i componenti presenti. Uno di questo è Fresh Diagnose il quale utilizzo verrà descritto in maniera chiara e semplice in questa guida

 

  • 1 Fresh Diagnose è un programma gratuito che offre all'utente una varietà di informazioni davvero impressionante: dai programmi installati ai driver delle periferiche, dai componenti http://www.freshdiagnose.com/downfiles.html. Come mostrato dall'immagine dovrai spostarti nella parte dedicata a Fresh Diagnose, la 2 e cliccare sulla scritta download here per salvare il file di setup. Quindi avvialo con un doppio clic e completa la breve e semplice procedura guidata di installazione, che terminerà in pochi passi.
  • 2
     
    Occorrente
    • Connessione a Internet
    • Fresh Diagnose
    Per usufruire di tutte le funzionalità del programma, dovrai provvedere ad una registrazione gratuita alla pagina http://www.freshdiagnose.com/register.html riempendo i due campi con nome ed e-mail. Ti verrà spedito a questo punto un messaggio per la convalida, clicca sul link che troverai e subito dopo ti verrà inviato un altro messaggio contenente i codici di registrazione dei vari programmi dell'azienda.
  • 3 All'avvio del programma potrai subito notare che i vari moduli sono disposti in maniera molto razionale e di facile consultazione. Nel menu a sinistra, troverai le aree tematiche e per ognuna avrai un elenco di voci per le scansioni dei vari componenti. I pulsanti per le varie aree li troverai anche nella barra in alto con, nella finestra al centro, il dettaglio dei moduli. L'unica pecca di questo programma è approssimativa traduzione italiana dell'interfaccia. Termini come "Lima" per indicare il menu File oppure "Risorse di Fissaggi" per indicare le risorse hardware, mettono un po' fuori strada l'utente. Volendo perciò potresti anche impostare la lingua inglese per vedere almeno termini più familiari. Dal menu Lima seleziona Cambi la Lingua e poi English.
  • 4 Nella sezione Software System avrai a disposizione diversi moduli per ottenere informazioni sul sistema operativo, sui programmi installati, quelli ad avvio automatico, nonché sulle associazioni dei file e sui driver installati. Altre voci ti daranno dettagli anche su argomenti più delicati e tecnici come ad esempio la posizione delle cartelle e le variabili di sistema. Ad esempio, nel modulo Processor (in figura), potrai vedere tantissimi dettagli riguardo al processore, da modello e velocità fino all'ampiezza dei bus di comunicazione o i vari voltaggi.
  • 5 Espandendo invece il pannello Devices, i moduli relativi ti forniranno accurate descrizioni di tutte le periferiche del computer sia fisiche che, in qualche caso, anche logiche (Logical Drives). In figura puoi vedere il dettagliato rapporto relativo alle informazioni sugli hard disk presenti, che potrai comodamente selezionare dal menu a tendina presente in alto. Perciò come puoi ben vedere già dai primi passi, il programma è abbastanza completo ed è molto utile a chi deve per esempio cambiare un componente del PC.
  • 6 Nella sezione Network and Internet, invece, troverai i moduli relativi all'analisi sia delle schede di rete installate, sia di componenti software che regolano e gestiscono tutte le comunicazioni in entrata ed uscita del computer. Avrai quindi informazioni su marca, modello e parametri degli apparecchi fisici, sia di tutte le impostazioni di Internet Explorer e le statistiche relative ai protocolli di comunicazione.
  • 7 L'ultima sezione in basso, Benchmarks, è quella i cui moduli sono accessibili solo agli utenti registrati. Per inserire il codice trovato nell'e-mail vai nel menu help e clicca su Register, quindi inserisci username e codice. Adesso potrai usare i test per verificare il corretto funzionamento e l'efficienza dei vari componenti, utile ad esempio se sospetti qualche malfunzionamento di qualche componente del computer. Tutto verrà riportato nel risultato.
Repost 0
Published by ciro.uliano - in Software e Hardware
scrivi un commento
30 aprile 2012 1 30 /04 /aprile /2012 16:16

Il famoso saggio breve... A chi non è mai capitato di doverlo fare? Nel triennio delle scuole superiori di solito è la forma prediletta dei compiti in classe di italiano! Dunque avere un'idea di come si fa è il minimo per una buona riuscita del compito! Eccoti una guida breve e diretta che potrebbe tornarti utile!

 

  • 1
    Come Fare Un Saggio Breve
    Di solito, per fare un saggio breve ci vengono consegnati, oltre alla traccia, dei documenti, che possono essere testi, citazioni, fotografie, dipinti, ecc. In questi documenti può capitare che vengano sostenute più tesi (cioè l'opinione dell'autore del documento riguardo all'argomento del saggio breve) diverse, oppure una sola. Innanzi tutto, leggi e osserva attentamente i documenti e magari evidenzia le parti più importanti (ma senza starci su troppo tempo, basta capire cosa l'autore/gli autori dei documenti voleva/volevano trasmetterti).
  • 2  Dopo aver "inquadrato" le varie tesi, puoi scegliere se impostare il tuo saggio breve in modo da sostenere una tesi con cui eventualmente sei d'accordo oppure l'alternativa è formulare una tua tesi e sostenerla, screditando quelle dei documenti. Dunque porta avanti la tua tesi solo se ne sei convento e se hai gli argomenti per sostenerla.
  • 3 Dopo aver deciso quale tesi sostenere, devi convincere il lettore che è quella giusta. Dunque fai appello alle tue conoscenze, anche acquisite al di là della scuola, tutto ciò che può avvalorare la tua tesi va bene. La cosa migliore e di fare una bozza del tuo discorso su un foglio a parte, in modo da poterla correggere, modificare, organizzare al meglio. Infatti l'organizzazione del discorso è importante: deve essere scorrevole, ben strutturato, è importante che segua un filo logico facile da rintracciare per il lettore.
  • 4 A questo punto passa a redigere il tuo saggio breve vero e proprio. Di solito la traccia richiede di indicare la destinazione editoriale, cioè dove dovrebbe essere pubblicato il tuo saggio breve. Questo non è un dettaglio trascurabile, poichè a seconda della destinazione editoriale dovrai adattare il lessico del tuo scritto: sarà una rivista specialistica? Allora il linguaggio che usi dovrà essere abbastanza peciso, ricco di termini "tecnici", ecc.
  • 5 Sarà il giornalino della scuola? Allora il lessico dovrà essere nontroppo complicato, abbastanza colloquiale. Puoi anche aggiungere deiriferimenti come ad esempio un evento culturale con cui si collegal'argomento. Ovviamente sia per quanto riguarda la destinazioneeditoriale, sia per i riferimenti a convegni, ecc. possono essere anchefittizi.
  • 6 Devi dare al tuo saggio breve anche un titolo, ma questo spesso accade dopo aver terminato di scrivere il saggio, in modo da poter scegliere un titolo più adeguato possibile (piccolo trucchetto per non sbagliare titolo). Naturalmente, quest'ultimo dovrà avere chiari riferimenti alla tesi che vuoi sostenere. Nel caso decidi di scriverlo alla fine, ricordati di lasciare lo spazio, prima di cominciare con il saggio breve.
  • 7 A volte viene richiesto un breve riassunto dei documenti: in questo caso parti proprio da esso. Altrimenti comincia con una introduzione in cui esporrai brevemente la tesi che vorrai sostenere. Quest'ultima deve essere ben in evidenza rispetto al suo svolgimento. Scegli tu come impostare il discorso, da dove partire, ecc. Ma comunque ricorda sempre di essere chiaro, di non fare un discorso striminzito, dimostra di saper spaziare, senza, però, andare fuori traccia.
  • 8 Arricchisci il discorso di idee personali, ma non esprimerti mai in prima persona, parla come se le tue idee fossero largamente condivise, non dire "io penso che...", "secondo me..." ecc. Questo per risultare più credibile. Per quanto possibile, collega le tue idee a opere note, aggiungi riferimenti a testi, conferenze, documentari, ecc.
  • 9 Dopo aver spiegato, approfondito, sostenuto la tua tesi, aggiungi una conclusione al tuo elaborato. Anche qui sii breve, cura sempre il lessico, evita di rivolgerti al lettore parlando in prima persona. Ricontrolla, in fine, il tuo saggio breve, correggi eventuali sviste e, se avevi rimandato per dare un titolo, è arrivato il momento di aggiungerlo. In ogni caso il saggio breve di solito non deve occupare più di 4-5 colonne di foglio protocollo.
Repost 0
Published by ciro.uliano - in Software e Hardware
scrivi un commento